Logo



FacebookLinkedin Google plus Fotolia 

Home  Photography  Camper  Torino  Concerti  Links  Market  Music




Pagine:  Pagina 1  Pagina 2  Pagina 3


Sardegna


Vacanza 2013 - Tour della Sardegna


Partenza 11 agosto ore 16.00 direzione Livorno, tachimetro  km 77.969 serbatoio a 5/8. Prima di arrivare al porto ci fermiamo per fare il primo pieno della vacanza, sono le  20.10 km 78.299, riempiamo con una ricca 113,99€ per  lt 67.97 (1.677 al lt).
Arrivo porto di Livorno ore 20.30, km78.320, sosta lungo la strada che porta al porto per la cena, ingresso consentito dopo le 23.30. Alle 23.45 entriamo nell'area portuale, sta partendo una nave della corsica ferries, destinazione? Bhoooo!!! Noi facciamo una passeggiata, prepariamo il necessario da portare in nave ed andiamo a dormire....fa un caldo incredibile
. Buona parte della notte passata a passeggiare tra i camper.....non ho sonno!!!


La prima giornata incomincia con un Imbarco tranquillo, partenza in perfetto orario, i posti sono numerati, abbiamo anche occupato due sdraio a poppa della nave, sole e aria in faccia. 10 ore in nave sono davvero lunghe, dopo aver girato gli spazi a disposizione 3 volte, ti rimane libro, carte magic, tablet, e poi cedi all'isterismo. Cmq alle 19 sbarchiamo ad Olbia, usciamo tra i primi e partiamo in direzione Sassari. La via più importante del nord della Sardegna, quella che da Olbia raggiunge appunto Sassari è una strada statale dove è pressochè impossibile sorpassare. Do retta al navigatore e per arrivare a Valledoria, comune vicino a Castelsardo ci impieghiamo 3 ore [tom tom di M], km 78.475, e 1/4 di serbatoio utilizzato. Troviamo un ampio e tranquillo parcheggio all'ingresso della frazione La Ciaccia (
Via Giosuè Carducci, Latitudine: 40.918559 Longitudine : 8.78155), il mare non é il più bello della Sardegna, però abbiamo la spiaggia a 20 metri, un bel panorama e l'acqua é pulita. La seconda giornata vola via tra un bagno e l'altro, in serata andiamo al camper service Punto Maragnani, che dista 900 metri dal parcheggio, scarichiamo e carichiamo l'acqua alla modica cifra di 8 euro (ma con regolare scontrino fiscale - SP90,  Valledoria SS, Latitudine: 40.920245 Longitudine: 8.792368).
Frazione La Ciaccia - Valledoria
Castelsardo
Terzo giorno, sveglia presto, si va verso Isola Rossa, ci si arriva in poco meno di mezz'ora, km.78.500, prima di arrivare all'incrocio per Isola Rossa ci fermiamo a fare un po di spesa. Arrivati ad Isola Rossa, prima di entrare in paese si gira a destra per la spiaggia di Marinedda, il parcheggio abbonda, e non dista molto dalla spiaggia (SP39, loc. Trinita' D'agultu e Vignola OT Latitudine: 41.015016 Longitudine: 8.889246); mare bello e spiaggia non infinita, ma sufficiente a contenere tutti i turisti arrivati già di buon ora. Giornata calda, con un leggero vento che increspa un pò il mare.
Alle 20 partenza per castelsardo, che visiteremo dopo cena; km 78.533, ed arrivo alle 20.30.
Parcheggiamo all'ingresso del paese di fronte ai campi sportivi e al cimitero, il parcheggio é ampio, ospita anche i bus, e in questo periodo le giostre (SS134 Latitudine: 40.911473 Longitudine: 8.722164).
Il centro é vicinissimo e lo si raggiunge a piedi in pochissimo tempo, volendo c'è la possibilitá di prendere la navetta e salire fino al castello....ma adesso é quasi mezza notte, magari domani.
Attenzione, il parcheggio è nei pressi di una discoteca che ha pompato MerdaMusic fino all'alba.
il quarto giorno, che poi è anche ferragosto, abortita l'idea della navetta e della visita al castello, decidiamo di puntare subito verso Alghero, partenza intorno alle 10.00, la strada è accettabile fino a Sassari dove sostiamo in un supermercato Auchan per comprare acqua e pane. Riprendiamo il viaggio e gran parte della strada da Sassari ad Alghero è una super strada, arriviamo ad Alghero a mezzogiorno (km 78.607, 1/2 serbatoio), c'é un grosso parcheggio, vicino al porto, in Via Garibaldi  angolo Via XXIV Maggio, Piazzale della Pace Latitudine: 40.562605 Longitudine: 8.317643. Visto il sole caldo e la giornata festiva, naturalmente il parcheggio è sovraffollato, ci fermiamo negli spazi riservati ai bus turistici in attesa che si liberi qualche posto, poi persa ogni speranza, inventiamo un parcheggio che non sia di intralcio a nessuno e andiamo a visitare la città. Visita delle mura e tour con il trenino (soldi che potete tranquillamente risparmiare).

Alghero
Is Aruttas - Cabras - Oristano
Terminata la visita ad Alghero ci spostiamo a Bosa , circa un ora di viaggio, km 78.663; parcheggiamo vicino al ponte pedonale in Via della Concerie, 23 Latitudine: 40.294681 Longitudine: 8.498971. Ceniamo in un ristorante molto elegante in paese e pernottiamo, non ci sono altri camper ma il posto è davvero tranquillo.
Il giorno successivo, quinto giorno, 16 agosto, partenza ore 7; dopo circa un ora e mezza di viaggio arriviamo a Is Arutas, sono le 8.30,il conta km segna 78.730, dietro la spiaggia c'è un grande parcheggio a pagamento, intera giornata 12€ per noi camperisti, peró si puó sostare anche la notte e noi ne aproffittiamo. La spiaggia inizia già a popolarsi quindi come prima cosa occupo un sufficiente spazio abitativo con ombrelloni e sdraio.
IS ARUTTAS, 09072 Cabras OR, Italia Latitudine: 39.952203  Longitudine: 8.403152

Sesto giorno, prima mission carico e scarico ci spingiamo fino a torregrande, vicino Oristano, 5€ senza ricevuta, ma è il primo che mi capita in questa vacanza, presso un camping abbastanza sgalfo (ad Oristano comunque c'è possibilità di fare carico e scarico gratis vicino agli impianti sportivi, ma l'ho scoperto dopo).
Post incombenze di prima necessità raggiungiamo S.Giovanni Sinis per visitare le rovine di Tharros.
Visita guidata alle rovine poi ci spostiamo ad Oristano per fare la spesa, torniamo nella penisola del Sinis e troviamo un posto fronte mare per pranzare, percorriamo tutta la strada che costeggia la la spiaggia fino quasi a tornare ad Is Aruttas ma alla fine optiamo per tornare a San Giovanni Sinis (Latitudine: 39.882275 Longitudine: 8.439201), quindi pomeriggio in spiaggia. La sera nella piazzetta del paese serata dedicata all'astronomia, il circolo di astronomia di Cagliari, in collaborazione con la pro-loco di San Giovanni proiettano immagini riprese con il telescopio e  danno qualche nozione sulle costellazioni e l'astronomia in generale, infine offrono la possibilitá di guardare la luna con i loro telescopi.

Tharros - San Giovanni Sinis
Arbus
Siamo al 18 agosto, settimo giorno di viaggio, decidiamo di rimanere a San Giovanni Sinis, la mattina riserva un mare incantevole, calmo e azzurro, peccato che il pomeriggio si faccia vivo il maestrale che ci sta accompagnando dal primo giorno. In serata partenza ore 18.30, km 78.825, altro ricco pieno di gasolio km 78.841, €104.52, lt 63.77 alla modica cifra di 1.639€/lt. Ecco che scopriamo che, nei pressi degli impianti sportivi, zona ovest di Oristano, c'è anche un area attrezzata per caricare e scaricare l'acqua (Viale Repubblica,
Latitudine: 39.906012 Longitudine: 8.579473), ne approfittiamo e poi facciamo tappa verso Guspini  dove arriviamo alle 20.45, in tempo per verificare l'assenza di segnale della RAI, quindi ci spostiamo  Gonnosfanadiga, sulla SS 196 (Latitudine: 39.499892 Longitudine: 8.658785) dove alle 9 in punto iniziamo la visione di Juve - Lazio, supercoppa italiana, risultato finale 4 a 0 per i colori bianconeri. Pernottiamo, il paese è molto tranquillo, nelle vicinanze c'è un bar....un gelato e il caffè per la mattina.
Ottavo partenza di buon ora destinazione Piscinas, comune di Arbus, ci arriviamo dopo circa un ora e mezza di viaggio (km 78.930) gli ultimi 5 km sono sterrati con molti saltelli (non so se lo rifarei, il rischio rottura di qualche parte meccanica è alto), si procede davvero piano, la strada avvisa limiti di transito in altezza e larghezza, in effetti si passa dentro una sorta di portone, ma i camper non hanno problemi.
La spiaggia e il mare sono incantevoli, alla fine il rischio strada è  ripagato da una giornata con mare blu e sole caldo. Anche in questo caso, come in tutte le spiaggie della Sardegna, con pochi euro si parcheggia all'ingresso della spiaggia ed è possibile pernottare.
20 agosto, nono giorno, ci spostiamo nella spiaggia di Scivu, poco più a sud di Piscinas, part 7.30, arrivo 9.00, km 78.962 qui incontriamo Paola e Luciano che sono arrivati il giorno prima.

Le condizioni meteo non sono ottimali, però nel corso della mattina esce un pò di sole, il mare è grosso, l'occasione buona per fare bodysurf. Nel pomeriggio, ore 14 puntuali con la scadenza del parcheggio (5€), visita ad Iglesias, dove si arriva dopo un numero imprecisato di curve e saliscendi, impiegando un ora e mazza abbondante km 79.015.
Spesa al supermercato CONAD e poi visita al centro della città, come sempre, gelato e rimando alle guide turistiche per le informazioni culturali e storiche.

Piscinas
Fenicotteri
alle 18.40 partenza per Sant'Antioco, dove arriviamo alle 19.20, in tempo per fare carico e scarico al distributore agip all'ingresso del paese (Via Nazionale, 175, Latitudine: 39.059808 Longitudine: 8.460189 - km 79.065). Prima di arrivare all'isola di Sant'Antioco si costeggiano due stagni nei quali è possibile ammirare, anche se non proprio da vicino, i fenicottri rosa. Per la notte sostiamo nella piazza del mercato - Piazzale Sandro Pertini, Latitudine: 39.065219 Longitudine: 8.457582), costo un euro e cinquanta dalle 20 all'1, poi gratutito il resto della giornata.
Al mattino del decimo giorno andiamo in una spiaggia a sud dell'isola, sperando di essere un pò più al riparo dal vento. Sostiamo in un area più o meno attrezzata (Latitudine: 38.983263  Longitudine: 8.44228) vicino alla spiaggia; il vento comunque c'è ma non ci impedisce di prendere il sole e fare il bagno.
Durante l'ora di pranzo arriva un pastore della zona, tale Franco, che ci vende formaggi e salumi freschi. E anche la panza è contenta.

Il pomeriggio, verso le 16, andiamo a visitare una delle miniere del Sulcis, a Carbonia (SS126 - Latitudine: 39.162614 Longitudine: 8.508993). La visita guidata è molto interessante e ve la consiglio.
Undicesimo giorno, 22 agosto, seguendo il suggerimento di Franco il pastore,  andiamo alla spiaggia di Porto Pino, continua la bella organizzazione dei comuni sardi, ogni spiaggia ha il suo bel parcheggio a pagamento (Via Corru Manciu Latitudine: 38.957989 Longitudine: 8.621784), questo è vicino agli stagni di Porto Pino, Brebeis, e stagno del Corvo. Per la notte però ci spostiamo in un parcheggio vicino alle case (Via del Porticciolo, Sant'anna Arresi  -
Latitudine: 38.9649 Longitudine: 8.596438) dove la sera è presente anche un mercatino e ci sono alcuni locali per cenare o prendere un gelato. Pernottiamo.

Stagno di Porto Pino
Spiaggia di Chia
Il mattino seguente andiamo alla spiaggia di Chia (km 79.200), in una area attrezza affianco allo stagno "Stangioni de Su Sali" (Viale Spartivento, Domus De Maria, Latitudine: 38.889094 Longitudine: 8.864041); qui ci fermiamo dal 23 al 26 agosto, il mare è incredibilmente limpido e caldo, la spiaggia è grande e non si percepisce in modo fastidioso il fatto che sia anche affollata.
La sera del 26 agosto, quindicesimo giorno di viaggio, ci spostiamo a Cagliari - km 79.259, decidiamo di parcheggiare in una parcheggio custodito (
Cagliari Parking in Via Stanislao Caboni, 17 Latitudine: 39.210283 Longitudine: 9.127436)
e ci dirigiamo verso il centro dove andiamo a cenare in uno dei molti ristoranti presenti.
Facciamo una passeggiata, le strade sono affollate e il clima è naturalmente gradevole.
Il 27 agosto partiamo di buon ora per andare a Villasimius, ci impieghiamo circa un ora e mezza, arrivo alle 9.30 - km 79.336. Ci rechiamo subito alla spiaggia dei Notteri, indicata dalla guida, parghceggiamo in Via dei Ginepri, (Latitudine: 39.120813 Longitudine: 9.519456) e trascorriamo la giornata in spiaggia.
Mare bello, ma ad essere sinceri non il più bello di quelli fino a qui visitati. Per la prima volta da quando siamo partiti, troviamo il divieto di sosta ai camper su tutto il territorio comunale - motivo in più per cancellare Villasimius dalla lista delle località preferite.
L'unica area attrezzata che troviamo, è lontano dal centro con prezzi assurdi,  vi riporto le coordinate a puro titolo informativo (Via Logudoro, Latitudine: 39.15942 Longitudine: 9.507907). Quindi riprendo la strada per Cagliare e pochi kilometri fuori da Villasimius trovo uno spiazzo con vista panoramica, decidiamo di pernottare. (SP17, Latitudine: 39.13353 Longitudine: 9.4808). In lontananza vediamo un i lampi di un temporale veramente inquietante, continuano per diverse ore e fortunatamente i venti lo spingono verso il mare e non verso di noi.
Temporale a Villasimius
Parco Nazionale del Gennargentu
Il 28 agosto, diciasettesimo giorno di viaggio, ore 7.04 partenza per Orosei. A Tertenia, facciamo gasolio, abbiamo rischiato di rimanere a piedi, qui i distributori pare non essere molto frequenti, e anche quello che incontriamo ha quasi l'aspetto di essere abbandonato, imbarchiamo una ricca 50€ per soli 28.33lt. L'aspetto è di abbandono, ma il prezzo del gasolio è pari a quello dell'oro, 1.76/lt - i km sono 79.437.
La strada è lunga e tortuosa, ma il panorama bello, si percorre la SS 125 e si costeggia il parco nazionale del Gennargentu.
Alle 11.30 arriviamo alla spiaggia di Osalla (km. 79.630) e sostiamo nell'area attrezzata Orosalla Garden Beach
(Strada Statale 125 Orientale Sarda, Latitudine: 40.34473 Longitudine: 9.686172). Situazione spettacolare, l'area attrezzata ha meno di dieci camper presenti, la spiaggia è deserta, e ci godiamo l'ultima giornata di mare in un vero paradiso di tranquillità.
Il giorno dopo partiamo per OLBIA, il clima non è un gran che, la pioggia sembra essere prossima.
Arrivo alle 13.20 al supermercato Auchan vicino all'aereoporto, km79660, solito rabbocco di gasolio € 20, lt 12 gasolio 1,663/lt km Dopo pranzo il tempo migliora, facciamo tappa di avvicinamento al porto km. 79.685, golfo Aranci, e ci concediamo ancora un ultimo veloce bagno.
La sera ci imbarchiamo. Dormire sulle poltroncine è pressochè impossibile, mi butto a terra come quasi tutti gli altri passeggeri.
Arriviamo puntuali a Genova, e partiamo dal porto alle 7.30, ultimo pieno prima del rietro €115, 1,775/lt, km79.740. Arrivo a Torino arrivo 0re 13.15 km 80.035; abbiamo percorso 2066 km, tutti ben spesi. Sardegna sicuramente una vacanza da ripetere.







© 2014 Sergio Lino website - Template by Sergio Lino developed with Kompozer